• 3491247861
  • info@boeretto.com

Agevolazioni fiscali per inferriate e persiane blindate

Agevolazioni fiscali aggiornate a luglio 2019

L’installazione di inferriate di sicurezza rientra tra i lavori la cui spesa è ammessa alla detrazione fiscale stabilita dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi), secondo le percentuali che di volta in volta sono decise dalla Legge di Bilancio.

Trattandosi di un regime agevolato previsto in presenza di determinate condizioni, il contribuente è tenuto a rilasciare una dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445/2000 con la quale attestata la sussistenza dei requisiti previsti per l’ottenimento del suddetto beneficio (cioè che sia rispettata la tipologia di lavori e che l’immobile, sul quale gli stessi insistono, sia ad uso abitativo privato).

Boeretto srl realizza con proprio personale sia l’attività di produzione del bene oggetto di fornitura che quella di installazione, pertanto la determinazione del valore del bene significativo rispetta le indicazioni fornite dalla legge. Inoltre, il nostro ufficio amministrativo è a vostra disposizione per rendervi disponibile un fac simile su cui rendere la dichiarazione sopra citata.

Sotto riportiamo un estratto da “L’Agenzia Informa – Ristrutturazioni Edilizie: Le agevolazioni Fiscali – aggiornamento luglio 2019”; pubblicazione a cura di Agenzia Delle Entrate, Sezione pubblicazioni on line dell’Ufficio Comunicazione“; reperibile per approfondimenti sul sito http://www.agenziaentrate.gov.it/  oppure scaricabile cliccando sul pulsante.

  1. AGEVOLAZIONI PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO

È possibile detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) una parte dei costi sostenuti per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.

1.1 SINGOLE UNITÀ ABITATIVE

1.1.1 In cosa consistono

Per i lavori effettuati sulle singole unità abitative è possibile usufruire delle seguenti detrazioni:

  • 50% delle spese sostenute (bonifici effettuati) dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019, con un limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare
  • 36%, con il limite massimo di spesa di 48.000 euro per unità immobiliare, delle somme che saranno pagate dal 1° gennaio 2020.

L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell’anno, secondo il criterio di cassa, e va suddivisa fra tutti i contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi.

1.1.2 Chi può usufruirne

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato.

L’agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

  • proprietari o nudi proprietari
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • locatari o comodatari
  • soci di cooperative divise e indivise
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Hanno diritto alla detrazione, inoltre, purché sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture:

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado)
  • il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge
  • il componente dell’unione civile (la legge n. 76/2016, per garantire la tutela dei diritti derivanti dalle unioni civili tra persone delle stesso sesso, equipara al vincolo giuridico derivante dal matrimonio quello prodotto dalle unioni civili)
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.

In questi casi, ferme restando le altre condizioni, la detrazione spetta anche se le abilitazioni comunali sono intestate al proprietario dell’immobile.

Nel caso di due comproprietari di un immobile, se la fattura e il bonifico sono intestati a uno solo di essi, ma le spese di ristrutturazione sono state sostenute da entrambi, la detrazione spetta anche al soggetto che non è stato indicato nei predetti documenti, a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa da quest’ultimo sostenuta.

Se è stato stipulato un contratto preliminare di vendita (compromesso), l’acquirente dell’immobile ha diritto all’agevolazione se:

  • è stato immesso nel possesso dell’immobile
  • esegue gli interventi a proprio carico
  • è stato registrato il compromesso entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi in cui si fa valere la detrazione.

Può richiedere la detrazione anche chi esegue in proprio i lavori sull’immobile, limitatamente alle spese di acquisto dei materiali utilizzati.

I lavori sulle singole unità immobiliari per i quali spetta l’agevolazione fiscale sono i seguenti.

A. Interventi elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia):

– manutenzione straordinaria

– restauro e risanamento conservativo

– ristrutturazione edilizia  

Gli interventi devono essere effettuati su immobili residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze. Non sono ammessi al beneficio fiscale delle detrazioni gli interventi di manutenzione ordinaria (spettanti solo per i lavori condominiali), a meno che non facciano parte di un intervento più vasto di ristrutturazione.


Insegna Boeretto srl

La Boeretto srl è un’azienda storica del Lazio,  nata nel 1978 dal fondatore Giovanni Boeretto,  che in breve tempo da  piccola officina è diventata azienda metalmeccanica. Gli anni ’80 in particolare hanno visto il nostro sviluppo sia nella cantieristica edile che nell’arredamento di biblioteche nazionali di cui Roma è piena. Nel corso degli anni la nostra attenzione si è sempre più rivolta ai privati ed alle loro esigenze peculiari alle quali sappiamo rispondere forti della nostra storica esperienza nelle finiture di grandi opere. Attualmente alla seconda generazione i due figli  hanno preso in mano le redini dell’azienda,  Daniele segue l’aspetto progettuale e Cristiano la produzione,  con la supervisione del padre. Tutti gli operai della Boeretto hanno iniziato con noi la loro carriera e da noi sono stati formati. Progettazione, produzione, montaggio, assistenza, siamo tra le aziende del lazio che hanno la forza di seguire ogni aspetto della realizzazione di un progetto. Rispondiamo anche su WhatsApp, siamo aperti tutti i giorni dal lunedi al venerdi dalle 8:00 alle 17:00 e il sabato dalle 8:00 alle 13:00, diamo assistenza per i nostri clienti in 24 ore, garantiamo i nostri lavori per 5 anni. Siamo artigiani e facciamo il nostro lavoro ad opera d’arte.

Call Now Button